Le ultime novita' AdWords

Le ultime novita' AdWords

Nelle ultime settimane sono usciti anche sulla piattaforma italiana AdWords molti importanti aggiornamenti. Eccone un breve riepilogo.
Per i link di approfondimento vedi questo post sul blog di Francesco Tinti.
[clear]

Nuove info sul punteggio di qualita’ delle parole chiave

E’ stato esteso a tutti gli account il nuovo riepilogo dei dati delativi al punteggio di qualità. Le tre variabili mostrate sono diverse dalle precedenti e i punteggi fanno riferimento alla media dei competitor. E’ evidente che in Google stanno lavorando molto sull’affinamento dell’algoritmo di calcolo del quality score e sul modo di comunicare i risultati.
[clear]

Modifica delle corrispondenze a frase ed esatta

Le corrispondenze “a frase” e [esatta] vengono ora automaticamente estese a singolari, plurali e errori di digitazione.

[clear]

Nuovo tab e metriche per la rete display

Come largamente annunciato, la rete display ha ora anche in Italia una nuova area dedicata.
Il redesign arriva insieme ad alcune funzionalità innovative interessanti, come le statistiche delle keyword che attivano gli annunci, la visualizzazione grafica delle sovrapposizioni nel targeting e la possibilità di escludere parole chiave tra quelle usate nella rete di ricerca. Per il resto il nuovo design si limita a dare un punto di accesso unitario alle impostazioni già disponibili prima in diverse schede.
[clear]

Nuova interfaccia per i video ads

Anche nel caso della nuova interfaccia degli annunci video, il redesign mira a fornire più dati sulle performance specifiche di questi formati (come i tassi di abbandono legati ai tempi di riproduzione dei video).
[clear]

Tag per campagne, gruppi e keyword

Le nuove etichette per il tagging consentono di distinguere trasversalmente elementi come campagne, gruppi di annunci e singole parole chiave per un qualche elemento comune (come la presenza di un brand specifico o la tipologia di prodotto, ecc.). Sicuramente questi raggruppamenti dinamici sono di grande aiuto per monitorare e ottimizzare campagne molto complesse.

Rotazione uniforme degli annunci

A breve l’opzione “ruota”, che consente di far mostrare tutti gli annunci inseriti con uguale frequenza indipendentemente dal tasso di clic o dalle conversioni avrà una validità di 30 giorni dall’ultima modifica effettuata a livello di gruppo di annunci.
Sostanzialmente quindi sarà possibile forzare il sistema a proporre con la stessa frequenza di visualizzazione tutti gli annunci solo per un mese e non permanentemente.

Ottimizzazione automatica delle campagne display

Lo Strumento per ottimizzare le campagne display è già attivo da oltre un anno negli USA (con grande soddisfazione degli inserzionisti) ed era riservato a un gruppo ristretto di utenti in Italia.
Si tratta di una funzione che ottimizza automaticamente sia il targeting che l’offerta in relazione alle conversioni generate dalle campagne Display.
[clear]

Raggruppamento automatico nel keyword tool

Anche lo strumento per le parole chiave è stato migliorato in quest’ultima tornata di update riproponendo un tool di suddivisione tematica automatica dei gruppi di annunci, che avevamo già visto proposto in vari modi e opzioni differenti nei mesi passati.
[clear]

Strumento di stima del traffico

Anche il tool di stima del traffico appare oggi con una nuova interfaccia e con una nuova rappresentazione grafica legata al costo per clic massimo.
Finora questo strumento non aveva dimostrato grande utilità nel prevedere efficacemente il budget ottimale di una campagna (erano troppe le variabili da considerare), ma la rappresentazione grafica che hanno appena sfornato in AdWords, fornisce però almeno una stima della competitività di una parola chiave (e quindi del suo “prezzo di mercato”).
[clear]

Impostazione di campagne con schede di prodotto

E’ stata resa disponibile a tutti anche la funzionalità che consente di far apparire annunci automatici per singoli prodotti inseriti nel feed collegato alle campagne tramite il merchant center di Google Shopping.
Fino ad ora questa funzionalità (che ha fatto la fortuna di network come Criteo) era solo parzialmente disponibile attraverso le estensioni di prodotto.

 
 
[clear]

0 Condivisioni
Gianpaolo Lorusso
info@gplorusso.it
No Comments

Post A Comment